L'ultimo amore di Baba Dunja Stampa
space

Konstantin, il gallo di Marja, mi sveglia di nuovo durante la notte (...). Si aggira impettito e dispotico per il cortile di lei e mi guarda di sbieco. Il suo orologio biologico è completamente sballato, è così da sempre, ma non credo che abbia a che fare con le radiazioni. Non possono certo essere ritenute responsabili di ogni forma di demenza che compare sulla terra. Baba Dunja, insieme a pochi altri, è tornata nel paese dove è nata, dopo l'incidente nucleare di Cerobyl. Nella zona ancora contaminata si è ricreata una piccola comunità che si dà le sue regole e dove ciascuno decide del proprio destino. E' possibile che una vicenda ambientata nei luoghi del disastro prenda le forme di una storia lieve, divertente, ironica e, a modo suo, ottimista? E' possibile. 

L'ULTIMO AMORE DI BABA DUNJA - Alina Bronsky