Solo per Ida Brown PDF Stampa E-mail
space

Difficile catalogare l'ultimo e bellissimo libro che Ricardo Piglia ci ha lasciato prima di morire. Un po' romanzo-reportage (la storia è ispirata a eventi realmente accaduti), un po' thriller (ci sono omicidi e relative indagini), un po' saggio letterario (troviamo alcune pagine formidabili sul rapporto tra lingua e romanzo russo, per es.)... ma soprattutto tutto questo insieme, a costruire una narrazione affascinante che travalica i generi. Quello che ne emerge è un lucido spaccato del mondo accademico e dell'intera società statunitense, stretta tra l'ideologia securitaria e i mostri che essa stessa ha scatenato: Da queste parti tutto si individualizza, pensai, i conflitti sociali o sindacali non esistono, e se licenziano in tronco l'impiegato di un ufficio postale dove ha lavorato vent'anni, questo (...) sale sul tetto dell'edificio del suo ex posto di lavoro armato di un fucile automatico, un paio di bombe a mano, e stermina tutti gli spensierati compatrioti che passano là sotto.

SOLO PER IDA BROWN - Ricardo Piglia

 
Il grande cielo PDF Stampa E-mail
space

Pochi libri come Il grande cielo sono in grado di restituirci ciò che per gli americani ha significato la frontiera: i grandi spazi, il senso di assoluta libertà, la possibilità di costruirsi il destino con le proprie mani... tutti elementi che hanno contribuito a crearne il mito. E insieme a questo, l'altra faccia della medaglia: il massacro dei nativi americani, sterminati dalle malattie e dall'alcool portati dai bianchi, prima ancora che dai loro fucili. Per i cacciatori che si spingevano a ovest in cerca di pellicce e territori vergini, la ricerca di guadagno era inscindibile da questo anelito di libertà e dal sangue che portava con sè. Tutti elementi che ancora oggi rappresentano, sia pur in forma parodistica e distorta, alcuni tratti dello "spirito americano". Questo splendido libro di Guthrie ci riconcilia con la narrazione pura e con il piacere di addentrarci nei territori dell'avventura, secondo la lezione di Twain, Melville, London...

IL GRANDE CIELO - A.B. Guthrie

 
Indian Creek PDF Stampa E-mail
space

Fine anni Settanta, Nord Ovest degli Stati Uniti. A curare la schiusa delle uova di salmone sull'Indian Creek nelle Montagne Rocciose, riparato da una tenda di tela, con temperature che scendono a meno 40°, non è un esperto uomo di montagna ma un ventenne che della natura selvaggia coltiva il mito, costruito più sui libri che attraverso l'esperienza. Colta al volo l'occasione che gli si presenta di trascorrere un inverno di lavoro nelle foreste innevate tra Idaho e Montana, si getta in un'avventura che trasformerà uno studente di Biologia della fauna selvatica in una persona capace di procurarsi il cibo cacciando e di risolvere problemi legati alla nuda sopravvivenza. Questa è la storia vera dell'autore, la sua linea d'ombra. Alzai lo sguardo verso le pareti ripide e scure del canyon, che bloccavano già il sole a metà pomeriggio, Al di là di quelle pareti di pietra e alberi non c'era nient'altro che la natura selvaggia della Selway-Bitterroot. Ero solo, nel cuore della natura.

 

INDIAN CREEK - Pete Fromm

 
Tutto in ordine e al suo posto PDF Stampa E-mail
space

L'allevatore di colombi da gara, il rabdomante, l'allenatore di galli da combattimento, l'illusionista... sono solo alcuni dei personaggi (mai in pace con se stessi, spesso neppure con gli altri) che compongono lo straordinario pantheon di Brian Friel, drammaturgo e scrittore irlandese. Pur immergendoci fino in fondo nelle atmosfere del Nord Irlanda e della sua provincia, i racconti di Friel sono quanto di più lontano dalla narrativa centrata sul "colore locale". Presentano invece un'umanità sfaccettata, contraddittoria, sempre marginale, che ha i caratteri dell'universalità. Harry Quinn si mise al lavoro per trasformare le due stanze della soffitta in una colombaia modello, così da potervi trasferire i suoi preziosi uccelli da gara (...). Harry soffriva di epifora agli occhi. Gli lacrimavano di continuo. I forestieri che entravano nel suo negozio rimanevano turbati alla vista del bottegaio in lacrime.

TUTTO IN ORDINE E AL SUO POSTO - Brian Friel

 
Spesso sono felice PDF Stampa E-mail
space

Ellinor, vedova settantenne, in una lunga lettera all'amica che non c'è più, rievoca tutto ciò che l'ha portata ad essere quel che è oggi: una donna che ha subito abbandoni e tradimenti, ma che, a dispetto di tutto, non si è piegata. Al contrario, il suo senso di indipendenza e la sua ostinata ricerca di verità nelle relazioni, la espongono a un perenne conflitto con l'ambiente piccolo borghese che la circonda. Ma si tratta di un conflitto vitale, che genera cambiamenti, e che la porta a guardare con estrema curiosità e lucidità al proprio futuro. Sì, il futuro di una settantenne: sta in questa apertura, e nell'asciuttezza della scrittura, tutta la potenza di questo breve e illuminante romanzo. 

SPESSO SONO FELICE - Jens Christian Grondahl

 
Narratori delle pianure PDF Stampa E-mail
space

Dall'alta Lombardia fino all'Adriatico, lungo la valle del Po, Celati raccoglie trenta brevissime storie nella forma tradizionale del "si racconta che". Trenta novelle che incantano per la loro semplicità e perfezione, dense di echi di altri grandi autori: Cechov per la lezione formale, Sebald per la direzione dello sguardo, Calvino per la levità e l'esattezza... Eppure la poetica di Celati è unica e inconfondibile, tutta centrata sull'adesione alla realtà e sullo sguardo straniato che la osserva. (...) Lui sa che quando muore diventerà una zanzara. I vecchi e suo padre dicevano che le zanzare sono morti che tornano; ma questo forse solo dalle sue parti dove c'erano molte zanzare per via delle paludi. Poi hanno bonificato tutto e prosciugato le valli del delta, e adesso ci sono pochissime zanzare e lui non sa cosa può succedere. 

NARRATORI DELLE PIANURE - Gianni Celati

 
Eravamo dei grandissimi PDF Stampa E-mail
space

Lipsia, Germania Est. Il romanzo copre gli anni che precedono e immediatamente seguono la caduta del Muro. Protagonista un gruppo di ragazzi cresciuto nei sobborghi della città, in condizioni e famiglie che definire difficili non basta. Tra alcol (tantissimo e scadente), risse da stadio e da strada, incontri clandestini di boxe, amicizie e tradimenti, scuola (poca) e carcere (tanto), si dipana il racconto di un'epopea fatta di disperazione e illusione ma anche, a dispetto di tutto, di nostalgia: eravamo dei grandissimi, questo il leit-motiv della leggenda che i protagonisti fanno della propria storia. Nonostante la durezza delle vicende, lo sguardo dell'autore, Clemens Meyer, non indulge mai nell'estetica della violenza, è invece sensibile e appassionato, maturo, come la sua bellissima scrittura.

ERAVAMO DEI GRANDISSIMI - Clemens Meyer

 
Le cose crollano PDF Stampa E-mail
space

Il titolo di questo splendido romanzo, tra i più importanti dell'intera letteratura africana, allude a una doppia caduta: quella della civiltà Igbo (presente anche in Nigeria, dove ha luogo la vicenda raccontata) e quella di un suo tragico e contraddittorio eroe, il guerriero Okonkwo, protagonista della storia. Le cose crollano non è un saggio travestito da romanzo, eppure, attraverso una struttura narrativa classica (con tanto di voce narrante esterna) è in grado di spiegarci meglio di tanti saggi cosa ha portato in Africa il colonialismo, penetrato attraverso i canali della religione e consolidatosi attraverso la forza degli eserciti. Se combattiamo lo straniero, colpiremo i nostri fratelli e forse verseremo il sangue di un membro del clan. Ma dobbiamo farlo. I nostri padri non hanno mai immaginato una cosa del genere, non hanno mai ucciso i loro fratelli. Ma l'uomo bianco non era mai andato da loro. Quindi dobbiamo fare ciò che i nostri padri non avrebbero mai fatto. 

LE COSE CROLLANO - Chinua Achebe

 
L'ultimo amore di Baba Dunja PDF Stampa E-mail
space

Konstantin, il gallo di Marja, mi sveglia di nuovo durante la notte (...). Si aggira impettito e dispotico per il cortile di lei e mi guarda di sbieco. Il suo orologio biologico è completamente sballato, è così da sempre, ma non credo che abbia a che fare con le radiazioni. Non possono certo essere ritenute responsabili di ogni forma di demenza che compare sulla terra. Baba Dunja, insieme a pochi altri, è tornata nel paese dove è nata, dopo l'incidente nucleare di Cerobyl. Nella zona ancora contaminata si è ricreata una piccola comunità che si dà le sue regole e dove ciascuno decide del proprio destino. E' possibile che una vicenda ambientata nei luoghi del disastro prenda le forme di una storia lieve, divertente, ironica e, a modo suo, ottimista? E' possibile. 

L'ULTIMO AMORE DI BABA DUNJA - Alina Bronsky

 
I senza terra PDF Stampa E-mail
space

Meglio essere consapevoli della propria condizione di abbruttimento e miseria, o l'ingnoranza ci mette al riparo da ulteriori dolori? Questa la domanda che ci pone il libro di Borbely. Libro magnifico e quasi insopportabile per la durezza delle vicende raccontate. Siamo in Ungheria, vicini al confine rumeno, attorno agli anni '60: è la voce di un bambino a condurci tra le pieghe dell'universo familiare protagonista della storia, stretto tra la miseria condivisa con tutti e - in quanto immigrati - il senso di estraneità e diffidenza nei loro confronti che ne segna la condizione. Nelle quattro parole ossessivamente ripetute dalla madre c'è tutta la disperazione, ma anche la rabbia (e dunque la prospettiva di un cambiamento), di chi non si è ancora piegato: Noi non siamo così.

I SENZA TERRA - Szilard Borbely

 
L'uomo del futuro PDF Stampa E-mail
space

... Se voi però avete diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri allora vi dirò che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall'altro. Gli uni son la mia Patria, gli altri i miei stranieri (Lorenzo Milani - L'obbedienza non è più una virtù). Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, si mette, come recita il sottotitolo del libro, "sulle tracce di don Lorenzo Milani", accompagnandoci nei luoghi poco conosciuti della sua infanzia e nei luoghi-simbolo della sua maturità - San Donato di Calenzano e Barbiana -, dove prende corpo la sua esperienza pastorale, politica, educativa. Lo fa intrecciando la propria vicenda di insegnante e viaggiatore, a quella dell'uomo che fece dell'apertura al mondo il tratto distintivo della propria concezione dell'individuo. 

L'UOMO DEL FUTURO - Eraldo Affinati

 
L'altra figlia PDF Stampa E-mail
space

Il lavoro di scavo di Annie Ernaux nel proprio passato prosegue con questo libro, conservando la profondità e l'asciuttezza delle sue opere precedenti. Attraverso una scrittura essenziale, "a sottrarre", entriamo nel mondo di una bambina che un giorno, improvvisamente e casualmente, scopre di aver avuto una sorellina morta prima che lei nascesse, della quale nessuno le aveva mai parlato. Questa rivelazione la porta a rileggere sotto una luce completamente diversa il proprio posto nel mondo: non più figlia unica al centro dell'universo familiare, ma sostituta e "doppio" di un'assenza innominabile. Un capolavoro d'introspezione, che ci aiuta a lacerare il velo di apparenza che promette ingannevolmente di metterci al riparo dalla verità delle relazioni. 

L'ALTRA FIGLIA - Annie Ernaux

 
Un eroe borghese PDF Stampa E-mail
space

La storia di Giorgio Ambrosoli, liquidatore dell'impero bancario di Michele Sindona, da questi fatto uccidere nel luglio del 1979, ha la forza e la nettezza di una parabola: illumina un pezzo decisivo della storia d'Italia e traccia in modo netto il profilo di alcuni tra i suoi protagonisti. Giulio Andreotti, Enrico Cuccia, Licio Gelli, Michele Sindona... sono solo alcuni degli interpreti di una stagione segnata dalla commistione tra politica, finanza e criminalità mafiosa. Il racconto di Stajano non ha solo la capacità di illuminare quegli anni, ma fornisce elementi di analisi e di metodo utili per capire quanto questa commistione sia operante ancora oggi. La capacità di parlarci del nostro presente, l'avvincente costruzione narrativa e l'alta qualità della scrittura, rendono Un eroe borghese un grande libro che sopravvive alla stagione politica in cui è stato scritto. 

UN EROE BORGHESE - Corrado Stajano

 
Strane lealtà PDF Stampa E-mail
space

Jack Laidlaw si aggira tra le macerie di un matrimonio finito, di un lavoro di cui fatica a ritrovare il senso e di una morte che non gli dà pace. Un uomo era morto, un uomo che amavo forse più di chiunque altro. Nessuno l'aveva definito un "crimine", ma quella morte mi era sembrata ingiusta e senza senso, proprio come tante che avevo visto. E ne avevo viste molte. Perchè lui era così ricco di potenzialità, così pieno di vita, così immeritevole (non lo siamo tutti?) di una morte insensata. Io lo sapevo. Lo sapevo bene. Perchè era mio fratello. Tra i pub e i vicoli di Glasgow si snoda la vicenda di questo bellissimo noir in cui ricorrono tutti i temi cari a McIlvanney: la solidarietà verso gli sconfitti, il senso di giustizia, la durezza del milieu e la grandezza di uomini in lotta con il proprio passato. Scrittura serrata, senza fronzoli, impeccabile. 

STRANE LEALTA' - William McIlvanney

 
Il Parnaso ambulante PDF Stampa E-mail
space

Sotto al carro c'erano appesi una specie di tenda, una lanterna, un secchio ed altre piccole cose. Aveva, sul tetto, un lucernaio sollevato, come un antiquato tranvai, e da un angolo sbucava un tubo di stufa. Nella parte posteriore c'era una porta con due piccole finestre, e una scaletta di accesso. Il carro del signor Mifflin batte da anni le strade di campagna del New England, un carro trainato da un cavallo, che è anche una casa mobile e una libreria ambulante. Vendere libri ai contadini è stata per tutta la vita la sua missione. E' venuto però il momento di cedere l'attività. Sarà una donna a rilevarla, fuggendo dalla sua prigione casalinga e dando inizio a un'avventura di libertà che la porterà ad affrontare con spirito pionieristico un mondo a lei del tutto ignoto, dimostrando a se stessa - e a tutti noi - che un nuovo inizio è sempre possibile. Un libro sull'amore per i libri, un piccolo gioiello di umorismo, che contiene uno sguardo limpido e aperto sul mondo, nello stile dei classici della frontiera.

 

IL PARNASO AMBULANTE - Christopher Morley

 
Morire in primavera PDF Stampa E-mail
space

Germania, 1945, ultimo anno di guerra, vengono mandati a combattere anche i giovanissimi perchè "Ivan è alle porte". Walter ha diciassette anni e insieme a Fiete, suo coetaneo, amico, e mungitore come lui, viene arruolato a forza. Vengono mandati in Ungheria e lì le loro strade si dividono: Walter nelle retrovie, Fiete al fronte. Il nuovo incontro tra loro sarà segnato dalla follia degli ultimi giorni del Reich. Walter non è altri che il padre di Ralf Rothmann, autore del libro: "Volevo indagare il segreto che gli attribuivo, cercare una spiegazione alla sua malinconia plumbea. Immaginavo che derivasse dal fatto che lui, reclutato contro la sua volontà, si sentiva una vittima del regime e tuttavia per il fatto di aver portato l'uniforme delle SS si ritrovò dopo il 1945 dalla parte del carnefice. Non ci capì più nulla e reagì ritraendosi nella tristezza, una tristezza che io da bambino riconducevo a me". Un bellissimo romanzo che esplora a fondo e senza retorica il modello vittima/carnefice. 

MORIRE IN PRIMAVERA - Ralf Rothmann

 
Canto della pianura PDF Stampa E-mail
space

A Holt c'era quest'uomo, Tom Guthrie, se ne stava in piedi alla finestra della cucina, sul retro di casa sua, fumava una sigaretta e guardava fuori, verso il cortile posteriore su cui proprio in quel momento stava spuntando il giorno. Si apre così la giornata nella contea di Holt, Colorado, e così inizia il romanzo di Kent Haruf, che ci guida con voce intensa e commovente nelle storie di una comunità che ricorda quelle descritte da Steinbeck e da Sherwood Anderson: storie di persone qualsiasi che lavorano, amano, tradiscono, sognano, costruendo insieme un'epica della quotidianità. Storie di agricoltori, allevatori, insegnanti, gestori di locali della provincia profonda americana, così lontane dalle nostre eppure così famigliari, così vicine a noi, perchè costruite attorno a quel nucleo di umanità che ancora ci tiene insieme: ... la piccola che aveva messo al mondo era sana e aveva gli occhi chiari e i capelli neri della madre, e questo era quanto di meglio si potesse sperare, a Holt e in qualunque altro posto al mondo (...). 

CANTO DELLA PIANURA - Kent Haruf

 
Il paese dell'alcol PDF Stampa E-mail
space

Quando nel 2012 è stato assegnato il Premio Nobel per la letteratura a Mo Yan, la giuria svedese ha parlato di "realismo allucinato": l'espressione è azzeccata. In questo romanzo l'autore rende omaggio a Lu Xun e al suo Diario di un pazzo (1918), riprendendo, in forma stravolta e grottesca, il tema del cannibalismo. Sembra che nella municipalità di Jiuguo (il paese dell'alcol) alla tavola di ricchi amministratori e di funzionari di partito venga servita carne umana. L'indagine che in questo finto-giallo deve condurre l'ispettore Ding Gou'er si trasforma presto in farsa, perchè a Jiuguo ogni gesto e ogni pensiero sono avvolti in una nube alcolica che tutto confonde. E confonde anche noi lettori, perchè al filone narrativo centrale se ne aggiungono altri, mischiando piani e generi, cancellando piste e lasciandoci in balia di una scrittura precisa e allucinata, che racconta una storia mai didascalica eppure profondamente politica. Il libro è stato scritto a ridosso dei fatti di Piazza Tian'An Men.

IL PAESE DELL'ALCOL - Mo Yan

 
Preghiera per Cernobyl' PDF Stampa E-mail
space

Leggendo queste pagine ci affacciamo su un mistero. Quanto sia per l'uomo essenziale capire, dare un nome e un senso a ciò che gli accade, ricordare. E allo stesso tempo quanto sia importante - per vivere, per sopravvivere - dimenticare e "tradire". Come possono convivere spinte così opposte in un individuo, in un popolo? Nelle parole di chi è stato travolto dalla tragedia di Cernobyl' non troviamo la risposta ma la riproposizione, nella forma plastica del coro e in quella dubbiosa della voce sola, della stessa spaventosa domanda. Contadini, soldati, bambini, burocrati, scienziati, mogli, fratelli, madri... sono queste le voci del coro di Cernobyl'. Un libro definitivo, che ricorda per intensità e bellezza le Lettere dei condannati a morte della Resistenza.

PREGHIERA PER CERNOBYL' - Svetlana Aleksievic

 
L'inondazione PDF Stampa E-mail
space

Quando un'inondazione sommerge campi e case di Rio Sauce - il paese argentino che prende il nome dal fiume che lo attraversa - tutti lasciano le loro abitazioni, con l'eccezione del vecchio Morales, che dalla finestra della sua soffitta osserva pensoso la distesa d'acqua dalla quale emergono tetti e cime di alberi. Con la sua barca si aggira in perfetta solitudine tra le vie di un paese che non esiste più, parlando con la moglie morta in un cimitero trasformato in acquario. Sullo sfondo di una quotidianità divenuta improvvisamente surreale, si staglia la minaccia di speculatori cinesi, forse reali forse immaginari, che si dice vogliano comprare l'intero villaggio... L'epilogo del romanzo ci presenta una realtà straniata e fantastica, che neppure il reflusso delle acque può restituire alla sua illusoria normalità. La nostra realtà, la nostra normalità.

L'INONDAZIONE - Adrian N. Bravi

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 5

Lascia il tuo indirizzo mail per iscriverti alla nostra newsletter.
Ti terremo informato sulle attività e gli appuntamenti della libreria!
Dovrai confermare l'iscrizione cliccando sulla mail che riceverai dopo pochi secondi.




la Libreria Linea d'Ombra è in via San Calocero 29 a Milano (MM2 Sant'Agostino)
aperta dal
lunedi al venerdi dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19.30 - il sabato dalle 9 alle 19.30
per contattarci, telefono 028321175 fax 0287245865